M O N F E R R A T O A R T E

ASSOCIAZIONE CASALESE ARTE E STORIA PARCO NATURALE E AREA ATTREZZATA
DEL SACRO MONTE DI CREA
MUSEO CIVICO DI CASALE MONFERRATO
Home
Indice dei luoghi
Indice dei nomi
di persona
Indice dei titoli e
dei santi titolari
Bibliografia
 
Avvertenze
Segnalazione Contributi

 

Scheda precedente
Scheda successiva
 
VARENGO

VARENGO

 

Dial. Varèng. Avaringum, 940 [BSSS 28, doc. 55, p. 97]. Già comune autonomo, nel 1928 fu soppresso e aggregato a Gabiano [Variazioni 1930, p. 7].

Abitanti: 150. Distanza da Casale Km 23 ‑ Altezza: m 315 s. m. Frazione di Gabiano, provincia di Alessandria.

Parrocchia di S. Eusebio, eretta dopo la formazione della diocesi di Casale.

Chiesa parrocchiale, S. Eusebio: sulla collina della Sorba, nel punto più elevato del paese, dove, secondo una tradizione non confermata, sarebbe preesistito un castello [AD 1991, p. 221]. La chiesa parrocchiale primitiva col borgo antico si trovava a mezza costa, nella zona agricola tuttora detta di S. Eusebio [Calvo 2011, p. 12]. Fu censita dal 1298 al 1440 nella pieve di Gabiano [ARMO, pp. 39, 113, 237; Cognasso 1929, p. 228]. Dal sec. XV è ricordata la presenza in cima alla collina di un'altra chiesa, intitolata a S. Maria delle Grazie; essa acquisì importanza parallelamente alla migrazione dell'abitato di Varengo dalle pendici alla sommità della collina, e agli inizi del sec. XVII subentrò come parrocchiale alla vecchia chiesa di S. Eusebio, mutuandone anche il titolo entro la fine dello stesso secolo. Fu sottoposta a lavori di restauro a lungo interrotti e terminati nel 1725; nello stesso periodo la precedente parrocchiale era ormai diroccata [Calvo 2011, pp. 15-19, 49-52]. Dopo meno di 30 anni anche la nuova chiesa di S. Eusebio, oltreché troppo piccola, era diventata fatiscente, e nel 1755 il parroco affidò una stima del degrado al mastro da muro Giovanni Palazzo. Nel 1761 il Magnocavalli incaricò l’ing. Ferdinando Venanzio Bianchi per la formazione del piano del sito, però solo a fine 1764 il conte approntò una planimetria della nuova chiesa. La prima pietra fu posata il 14/9/1766 [Magnocavalli 1993, p. 23; Solarino 2005, pp. 324-27; Calvo 2010, p. 178]; i lavori vennero a lungo dilazionati e forse non furono del tutto effettuati secondo il progetto del Magnocavalli, che verosimilmente prevedeva un impianto planimetrico più allungato. Nel 1769 venivano pagati i mastri da muro Ronco; direttore dei lavori era l’arch. Carlo Antonio Faldella, capomastro Francesco Lorenzetti. Nel 1773 aiutante del Faldella era Giacomo Carretto. Il cantiere era ancora aperto nei primi anni '80. Nel 1784 era terminato il campanile; nel 1790 mancavano ancora i due altari laterali, il portone e i banchi [Perin 2002; Solarino 2005, p. 330; Calvo 2011, pp. 85-89]. Al 1812 risale la balaustra marmorea e al 1826 una nuova Via Crucis. Nel 1847 lo scultore Varallo realizzò il baldacchino d'altare; successivamente furono provvisti gli stalli lignei del coro (Luigi Martini), e nel 1852 fu reindorata la statua della Madonna del Rosario (Michelangelo Ganora). Nel 1881-82 venne rifatta la decorazione interna ad opera di Agostino Visetti (figure e dipinti della cupola centrale) e di Luigi Hartman (monocromi, sei tele dell'abside e delle cappelle laterali, due teleri del presbiterio). Nello stesso periodo furono approntati il portone d'ingresso, la bussola, l'orchestra, i confessionali e i banchi (falegname Giovanni Ulla, ornatista Albertone, fabbro ferraio Francesco Gallo). Nel 1888 venne realizzato un concerto di cinque campane [Calvo 2011, pp. 117, 122, 125-27]. La consacrazione da parte di mons. Pulciano avvenne il 12/8/1888 [AD 1969, p. 89]. Furono compiuti restauri nel 1927; nel 1955 vennero rifatte le vetrate; nel 2002 è stato riparato il campanile. Negli anni 2007-2009 sono stati restaurati i dipinti murali (Beatrice Coppo) e tutti i quadri (quelli della navata da Angelo Marello, quelli del presbiterio e dell'abside da Angelo Marello e da Marie Hélène Cully) [Angelino 2010a].

Scalinata di accesso di 40 gradini in cemento (1927; capomastro Luigi Martinengo), su ciascuno dei quali lo scalpellino Bazin incise il nome dei capifamiglia offerenti [Grignolio 1993, pp. 116-17]. La facciata è l’elemento di maggiore analogia con la produzione del Magnocavalli: è in paramano, a due piani, divisa da lesene ioniche, con frontone sulla parte centrale rialzata e candelabri a fiaccola. Il campanile, posto a sinistra dell’abside, è semplice nella parte inferiore, più adorno con lesene nella cella campanaria e superiormente con cornici in curva [Olivero 1940, p. 231]. Il portone in noce firmato «Ulla» (anni '80 del sec. XIX), è stato restaurato nel 2002 da Paolo Zanotto [De Paul 2002]. Le proporzioni dell’interno, la tripartizione dell’abside, la cupola ellittica sul presbiterio e la trabeazione continua sono elementi già presenti nella parrocchiale di Balzola, qui però con diversa sensibilità [Celoria 1989, p. 137]. Il nucleo centrale è ad ottagono irregolare, dilatato sull’asse trasversale da cappelle semiellittiche e allungato su quello longitudinale dal presbiterio quadrato e dall’abside semicircolare [Perin 2002]. Volta a botte sopra l’ingresso, al centro grande cupola circolare, sugli altari laterali e sull’abside volta a semicatino, sul presbiterio cupola ribassata su pianta ellittica. La trabeazione è sostenuta da lesene di ordine composito. La luce entra da finestre ovali del presbiterio e sopra gli altari laterali e da una finestra oblunga in facciata [Olivero 1940, p. 231], attraverso cinque vetrate a motivi orientaleggianti (fine XIX – inizio XX sec.). Il catino centrale è ornato con otto figure di angeli e con gli Evangelisti sui pennacchi; nella cupoletta del presbiterio campeggia il triangolo della SS. Trinità, sei Santi sono dipinti nelle vele. L’ampia decorazione pittorica delle pareti dovuta a Ottaviano Rapetti (seconda metà del sec. XIX), presenta scene della vita di Gesù, Santi, e monocromi. Sull’altar maggiore in stucco variopinto sono posti sei candelieri e un Crocifisso. Bel coro ligneo di fine XVIII – inizio XIX sec., sopra cui una pala di autore ignoto (sec. XVIII) raffigura la Lapidazione di S. Eusebio; la cornice lignea scolpita e dorata è stata rubata negli anni ottanta del sec. XX [Grignolio 1993, pp. 116-17]. Alle pareti laterali del presbiterio sono appese due tele di Luigi Hartman (sec. XIX), raffiguranti l'Ultima cena, a sinistra, e l'Adorazione del Bambino, a destra; dello stesso autore sono le sovrapporte laterali con Mosè e il Buon Pastore [Angelino 2010a]. Ai lati della balaustra marmorea del presbiterio sono collocati a sinistra il pulpito, a destra un confessionale, sopra cui c’è una bella tela datata 1610 raffigurante S. Silvestro che battezza Costantino, Cristo col globo, S. Servando, un donatore (A. Cane) e una fontana; la tela, di scuola vercellese, proviene dalla chiesa di S. Lucia; in una iscrizione alla base della tela si legge la data 1610, mentre sul retro è riportata la data 1603 [Niccolini 1877, p. 454; Calvo 2011, p. 134]. Gli altari laterali, addossati a pareti semiellittiche, sono di stucco dipinto: sulla destra si trova l’altare di S. Eusebio, con statua di inizio Novecento del santo entro una nicchia. Al di sopra è appeso un quadro centinato coi Ss. Sebastiano, Pancrazio (Defendente?) e Rocco (sec. XVIII); ai lati due tele di Luigi Hartman con S. Grato e S. Tommaso d'Aquino [Angelino 2010a]. A sinistra c’è l’altare del Rosario, con statua lignea della Madonna del Rosario, realizzata nel 1790 da Pietro Antonio Serpentiero [Caramellino 1982, p. 273 n. 42; Calvo 2011, p. 89], priva dei tondi originali coi Misteri, che furono rubati negli anni ottanta del sec. XX e sostituiti da copie; ai lati sono situate altre due tele di Luigi Hartman raffiguranti S. Giuseppe e S. Giovanni Battista. In due cappelline laterali, che si aprono appena oltre l’ingresso, sono posti a destra una statua della Madonna Addolorata (opera dei primi del Novecento di Peluzzi) [Angelino 2010a], a sinistra il battistero. Varie statue di recente fattura sono sistemate entro vetrinette; tra queste la statua lignea dipinta di S. Pancrazio (L. Sala, 1914) [Beweb, n. 1172], proveniente dalla chiesa dei Ss. Rocco e Pancrazio, viene portata in processione il 12 maggio.

S. Lucia: in regione Borgatello (dial. Burgatè), a sud-est della parrocchiale. Fu riedificata forse nel 1610 dalla popolazione di Varengo. Anticamente, ed ancora nel 1685, era dedicata ai Ss. Silvestro e Servando, mentre dal 1686 è documentata la dedicazione a S. Lucia. Nei secoli XVII e XVIII presso la cappella risiedeva un eremita. Nel 1725 era oratorio della compagnia dei Disciplinanti; aveva un portico anteriore privo di volta. Nel 1849 fu prolungata la navata, venne rifatto il pavimento e riparato il tetto e si reindorarono le statue di S. Lucia e S. Apollonia. Durante l'epidemia di colera del 1854 la cappella fu adibita a lazzaretto [Valle Cerrina 2002; Pollicelli 2005, pp. 60-62; Calvo 2011, pp. 135-37]. Nel 1877 c’era, mal conservata, la tela ritraente S. Silvestro [Niccolini 1877, p. 454], ora nella parrocchiale. Nel 2010 è stato rifatto il tetto. Si celebra il 13/12.

Ha pareti intonacate; facciata su due ordini, divisi da modanature in rilievo, frontone con nicchia vuota. La porta d’ingresso, di recente fattura, è fiancheggiata da due finestre arcuate. Un campaniletto a vela si alza posteriormente dalla parete di un edificio addossato, che presenta elementi di stile barocco. L’aula rettangolare si prolunga nel presbiterio, elevato di un gradino e chiuso da balaustre. L’altare è in bello stile, impreziosito da volute reggenti la mensa; sul lato sinistro è posta la statua lignea dorata di S. Lucia di fine '600 [Valle Cerrina 2002; Pollicelli 2005, pp. 60-61; Calvo 2011, p. 135].

Ss. Rocco e Pancrazio: in regione Giuvarengo (dial. Žüvarèng). In documenti notarili cinquecenteschi è citato un areale «presso S. Rocco». Una confraternita di S. Rocco fu eretta nel sec. XVII, ma ebbe vita breve [Calvo 2011, p. 137]. Nel 1725 era segnalata la cappella di S. Rocco, che alla metà del secolo successivo era ridotta in pessime condizioni. Attorno al 1887 fu dedicata anche a S. Pancrazio e ampliata per un voto, con l’aggiunta di un corpo di fabbrica anteriore, comprendente un portico; i lavori erano ancora in corso nel 1915. Nei primi decenni del sec. XX il portico fu rialzato fino al colmo del tetto, vennero tamponate due aperture ad arco e si creò la nuova facciata, a salienti, su due ordini con modanature in rilievo.

Dell’antico impianto fanno parte l’abside, cui è affiancata la base di un campanile, il presbiterio e parte di una campata, con muratura a fasce alterne di mattoni e di pietra, mentre la parte recente è completamente in laterizio. Interno con una sola capiente navata a due campate, sormontate da volte emisferiche rette da pilastri compositi. Il modesto altare è ornato da un bel tabernacolo ligneo, dalla statua di gesso di S. Rocco (quella di S. Pancrazio è nella parrocchiale) e da un crocifisso processionale. Sulla parete di fondo è appesa una tela raffigurante S. Pancrazio (fine sec. XIX) [Borgatello 1915, pp. 11-13; Valle Cerrina 2002; Pollicelli 2005, pp. 54-55].