M O N F E R R A T O A R T E

ASSOCIAZIONE CASALESE ARTE E STORIA PARCO NATURALE E AREA ATTREZZATA
DEL SACRO MONTE DI CREA
MUSEO CIVICO DI CASALE MONFERRATO
Home
Indice dei luoghi
Indice dei nomi
di persona
Indice dei titoli e
dei santi titolari
Bibliografia
 
Avvertenze
Segnalazione Contributi

 

Scheda precedente
Scheda successiva
 
SULPIANO

SULPIANO

 

Dial. Salpiàn. Cerrus planus, 1379 [Settia 1991a, p. 218].

Abitanti: 380. Distanza da Casale Km 35 ‑ Altezza: m 175 s. m. Frazione di Verrua Savoia, provincia di Torino.

Parrocchia dei Ss. Sebastiano e Giacomo, costituita nel 1694 nella diocesi di Vercelli per distacco da Verrua [Ogliaro 1999, p. 349]. Le parrocchie di Sulpiano e di Cervoto (con Verrua e Collegna) passarono nel 1805 dalla diocesi di Vercelli alla diocesi di Torino e nel 1817 alla diocesi di Casale [Fassino 2013, p. 225].

Chiesa parrocchiale, S. Sebastiano: nella parte settentrionale dell’abitato. Una chiesa di Rioglio (villaggio scomparso nell'attuale comune di Verrua Savoia) è indicata senza titolo nel 1299, col titolo di S. Sebastiano nel 1348 [ARMO, pp. 41, 116]. Nella seconda metà del sec. XVII il cantone di Rioglio era già scomparso e il toponimo sopravviveva ad indicare soltanto una località prediale [Settia 1975, p. 283]. L'edificio attuale fu progettato tra il 1760 e il 1763, quando il parroco Carlo Seppegno propose di trasferire la parrocchiale di Rioglio, ormai cadente, mentre il borgo di Sulpiano era in fase di grande sviluppo. Il capomastro Giuseppe Derossi iniziò la costruzione delle mura perimetrali attorno al 1770; i lavori subirono lunghe soste per mancanza di fondi e solo nel 1817 la chiesa fu consacrata ed aperta al culto. Nel 1775 venne pagato il pittore Crescentino Nigretti per i dipinti della Via Crucis [Ogliaro 1999, p. 351]. Nel 1956 una frana provocò lesioni del sagrato. La cupola del campanile, danneggiata da una grandinata nel 1985, fu restaurata nel 1989 [Assone 1989]. L’interno della chiesa è stato risanato nel 1997.

E’ in buone condizioni [AD 1991, p. 210]. Facciata a due ordini con timpano, tripartita da quattro lesene. Il portale è sormontato da una lunetta ad arco ribassato. Una lapide marmorea collocata nel 1920 ricorda i nomi dei caduti nella prima guerra mondiale [Ogliaro 1999, pp. 351-52]. Abside simile a quella della parrocchiale di Brusasco, anche se di dimensioni ridotte [Cremo 1987, p. 130]. Interno a navata unica, con quattro grandi cappelle laterali. L’aula è coperta da una volta ribassata ad arco policentrico; la copertura del presbiterio è segnata da tre archi policentrici, ribassati in corrispondenza delle lesene, mentre l’abside ellittica si conclude con una volta a semicatino; la cappelle laterali sono voltate a botte con arco a pieno centro. L’apparato decorativo comprende capitelli dorati: quelli dell’aula sono compositi, quelli della zona absidale sono ionici. Dietro l’altar maggiore c’è un coro ligneo con al centro uno stallo decorato a fiori.

Altari laterali, a destra: a) S. Caterina, pala raffigurante la Madonna col Bambino venerati da S. Caterina, di scuola moncalvesca; fu donata da Giovanni Paolo Aymonin, conte di Tricerro; b) Madonna della Santa Cintura, statua settecentesca proveniente dalla chiesa di Rioglio. A sinistra: a) S. Giuseppe, dipinto raffigurante S. Giuseppe, eseguito da Giuseppe Galimberti; b) S. Sebastiano, statua del santo donata nel 1910 dalla famiglia Barbero [Ogliaro 1999, pp. 351-52]; paliotto di scagliola a fondo nero con al centro il martirio di S. Sebastiano, della bottega di Cristoforo Solari (1760) [Caramellino 1987a, p. 155].

Il pulpito ligneo è attribuito all’intagliatore Cristoforo Germano Serra [Caramellino 1986, p. 14]. L’organo è opera di Amedeo Ramasco (1827) [Galazzo 1990, p. 248].

S. Giacomo: ex parrocchiale di Cervoto (dial. Sarvùi. Salvottum, 1304 [Ogliaro 1999, p. 332]), borgata di Verrua Savoia. La chiesa di Cervoto è ricordata col titolo di S. Cristoforo nel 1359; successivamente la dedicazione fu mutata in S. Giacomo. Fu eretta in parrocchia il 9/6/1766 per smembramento da Collegna [BSSS 73/II, doc. 63, p. 320; Ogliaro 1999, p. 353]; la parrocchia venne soppressa nel 1986 [Decreto vescovile 30/6/1986]. La chiesa attuale risale al 1822 [AD 1974, p. 79].

Piccolo edificio, sulla stretta strada che attraversa la frazione. Facciata intonacata, limitata da due lesene angolari che sorreggono la trabeazione e il timpano; sopra la porta si apre una finestra quadrilobata. Sul lato sinistro, posteriormente, si eleva il campanile in mattoni a vista, con bella copertura a bulbo. Sulla parete posteriore un'iscrizione datata 1989 ricorda verosimilmente lavori di manutenzione. L'altar maggiore, qui eretto nel 1763, proviene da altra chiesa imprecisata; ha un paliotto in scagliola attribuito alla bottega dei Solari [Di Majo 2012a, p. 31]. E’ custodita una statua processionale della Madonna della Salute, realizzata come ex voto all’epoca dell’epidemia di colera del 1854 [Tasso 1997].

S. Giacomo: piccola chiesa posta su un rilievo sopra il cimitero, 400 metri a ovest del borgo di Cervoto. Facciata rivolta verso il paese; aula rettangolare. E' abbandonata. In passato era meta di una processione annuale.

S. Andrea: in località Casetto (dial. Cažèt. Cassetum, 1379 [Ogliaro 1999, p. 329]), di fianco al cimitero. La chiesa di S. Andrea, associata a S. Sebastiano di Rioglio, è citata col titolo negli estimi della pieve di Verrua del 1348 e 1359 [ARMO, p. 116; Cognasso 1929, p. 233]; forse era già conteggiata alla fine del sec. XIII come Ecclesia de Bareto (la località Bareto risulta solo negli estimi del 1299 e del 1440 [ARMO, pp. 41, 238]; il toponimo, non altrimenti identificabile, potrebbe essere il risultato di una corruzione di Laureto). Nelle visite pastorali vercellesi del 1606-1609 viene indicata come S. Andrea de Laureto, antica parrocchiale di Rioglio [Settia 1975, p. 283]; il toponimo Laureto sopravvive nella cascina Loreto (dial. Loréi. Loretum, 1304 [Ogliaro 1999, p. 330]), situata sulla collina circa 700 metri a sud-est della chiesa. Loreto era sede di un cimitero, prima della realizzazione del cimitero del Casetto [Ogliaro 1999, pp. 330-31].

Facciata intonacata, scandita da quattro lesene che sorreggono la trabeazione e un timpano curvilineo. Ai lati della porta si aprono due finestrelle quadrilobate. Sopra la porta è murata una testina di pietra scolpita in rilievo di epoca romana, inedita, di grandezza naturale (è alta cm 24), di eccellente fattura e ben conservata (ha solo una scheggiatura sull’estremità del naso), la cui provenienza non è nota: si tratta di un volto di giovane dallo sguardo intenso, con labbra sottili e folta capigliatura a larghe ciocche riportate verso la fronte, da confrontare con la testa di bronzo di età augustea dell'Istituto San Paolo di Torino [Carducci 1967, tav. 11].

S. Lucia: in località Fravagnano (dial. Fravagnàn). Eretta nel 1796. Piccola chiesa ad aula rettangolare, sul cui fianco sinistro è addossata una costruzione più recente. Campanile a vela; facciata divisa da quattro lesene sorreggenti il timpano. Ai lati della porta si aprono due finestrelle rettangolari.

S. Antonio (Madonna del S. Rosario): in località Case Bazzoli (dial. Cà di Bàžu. in cantono Bazolis, 1549 [Ogliaro 1999, p. 327]). Piccolo e suggestivo edificio fiancheggiato da abitazioni civili in cima ad una breve scalinata. Paramento in mattoni. La facciata è limitata da due paraste angolari che sorreggono la trabeazione e il timpano triangolare; il portale ha un archivolto in mattoni un po’ irregolare. In facciata sono posti una campanella e un tubo di grondaia.

S. Rocco (S. Gioachino): in località Camorano (dial. Camuràn. Camoranum, 1318 [Ogliaro 1999, p. 313]). Alla sua ricostruzione contribuirono i nobili Galimberti [Ogliaro 1999, pp. 313-14]. Lavori di restauro nel 2005.

Aula rettangolare con abside semicircolare.

Madonna di Oropa (già Madonna di Loreto): in località Campasso (dial. Campàs. Campacium, 1304 [Ogliaro 1999, p. 329]), non lontano dall'abitato scomparso di Laureto (la cascina Loreto si trova circa m 800 a sud-ovest).

Piccolo edificio situato all’ingresso dell’abitato.

S. Sebastiano di Rioglio: alla sommità della frazione Rivalta (dial. RivàltaRivalta, 1379 [Ogliaro 1999, p. 320]), nella località detta Rioglio (dial. an Riö’. Reolium, 1299 [ARMO, p. 41]). In passato serviva la comunità circostante e quella di Sulpiano. Alla fine del sec. XIII era presente nella pieve di Verrua una Ecclesia de Reolio; a metà del sec. XIV le chiese di Rioglio erano due: S. Andrea e S. Sebastiano [ARMO, pp. 41, 116; Cognasso 1929, p. 233]. Nel 1606-1609 venivano ancora indicate la chiesa di S. Sebastiano, parrocchiale di Rioglio, e la chiesa di S. Andrea de Laureto, detta antica parrocchiale. Entro la fine del sec. XVII il villaggio di Rioglio scomparve (sopravvisse solo la regione prediale); la popolazione confluì probabilmente nella borgata di Rivalta [Settia 1975, pp. 283-84]. Per quanto già indicata come parrocchiale nelle visite pastorali di inizio sec. XVII, il decreto di erezione in parrocchia della chiesa di S. Sebastiano data al 4/6/1694. Nella seconda metà del sec. XVIII risultava in cattive condizioni. Conservava la statua della Madonna della Santa Cintura, ora custodita nella chiesa di S. Sebastiano di Sulpiano. Sono ancora visibili alcuni ruderi del campanile. Nel 1941 fu edificata una piccola edicola campestre a ricordo dell’antica chiesa [Ogliaro 1999, pp. 349-50, 352].