M O N F E R R A T O A R T E

ASSOCIAZIONE CASALESE ARTE E STORIA PARCO NATURALE E AREA ATTREZZATA
DEL SACRO MONTE DI CREA
MUSEO CIVICO DI CASALE MONFERRATO
Home
Indice dei luoghi
Indice dei nomi
di persona
Indice dei titoli e
dei santi titolari
Bibliografia
 
Avvertenze
Segnalazione Contributi

 

Scheda precedente
Scheda successiva
 
OCCIMIANO

OCCIMIANO

 

Dial. al Sümiàn. Occimianum / Aucimianum, 882 [Durandi 1774, p. 328; MGH Karoli III, n. 54, p. 92; BSSS 145, doc. 34, p. 114].

Abitanti: 1387. Distanza da Casale Km 10 ‑ Altezza: m 107 s. m. Provincia di Alessandria.

Parrocchia di S. Valerio. Nel 1438 papa Eugenio IV ridusse le parrocchie di Occimiano da quattro a due, cioè S. Valerio e S. Maria. In seguito rimase solo la parrocchia di S. Valerio [AD 1991, p. 163]. Dalla diocesi di Vercelli passò alla diocesi di Casale nel 1474 [De Bono 1986, p. 34].

Chiesa parrocchiale, S. Valerio: nel centro del paese. Prima attestazione del titolo nel 1178 [BSSS 40, doc. 39, p. 51]. Dal 1299 la chiesa fu censita negli estimi della diocesi di Vercelli, pieve di Mediliano [ARMO, p. 36]. La chiesa primitiva (S. Valerio vecchio) sorgeva ai piedi della collina all'inizio della strada detta della Costa, luogo in cui è ricordata da un pilone [Novarese 1892, p. 228; Novarese 1895, pp. 2 n. 2, 9]. La costruzione dell’attuale edificio iniziò nel 1486 [AD 1974, p. 109], ma i lavori procedettero a rilento, tanto che la consacrazione da parte del vescovo Scipione d’Este avvenne solo il 30/11/1555 (1560?) [AD 1991, p. 164]. Nel 1568 il pavimento era ancora in terra battuta [Barberis 1982, p. 283]. Nel luglio 1622 Giovanni Battista Rigollo effettuò lavori in stucco nella cappella della Madonna, nella cappella di S. Carlo e nel coro [Prato 1915, p. 10]. Nel 1751, come ricordato da una lapide affissa al muro nel lato sinistro del presbiterio, furono portati a termine l'altare maggiore e la rispettiva balaustra. Altre balaustre e l'altare della cappella del Sacro Cuore provengono invece dalla chiesa della Consolazione, eretta in Occimiano nel 1673 dai Padri Crociferi di S. Camillo e smantellata nel 1798; anche quadri e arredi religiosi, tra cui due confessionali, passarono all'inizio dell'Ottocento dalla chiesa della Consolazione alla parrocchiale [P.S.F. 1914, p. 23 n. 1; Di Majo 2010, p. 248]. Nel 1811 furono realizzati importanti restauri da parte di Carlo Ferraris e dei fratelli Giuseppe e Nicola Savini, diretti da Agostino Vitoli. La sacrestia fu aggiunta nel 1814. Nel 1818 la chiesa fu dotata di bussola con tribuna d’organo e di coro (a modello del coro della sacrestia del duomo di Casale); lavori eseguiti da Vincenzo Capra. Nel 1822 si effettuarono restauri nella cappella di S. Orsola, in testa alla navata laterale sinistra (attuale cappella dell'Ausiliatrice) [Prato 1915, p. 10]; nel 1825, durante i lavori di sostituzione del vecchio altare di legno della cappella con l’attuale di marmo, il parroco don Taravelli trovò sotto la base di una colonna un foglio ingiallito datato 20/8/1580 con notizie sull’esecuzione da parte di Bernardino Lanino della pala commissionata da Francesco Rafaldo, fondatore e priore della compagnia di S. Orsola [Prato 1915, p. 10; Quazza 1986, p. 260; Genovese 1995]. La chiesa fu ancora fatta abbellire da mons. Francesco Angelino negli anni 1867‑69, con dipinti delle volte di Paolo Maggi e decorazioni di Francesco Ferrari [Barberis 1982, p. 28]. Nuova consacrazione il 27/7/1869 da parte del vescovo Pietro Maria Ferrè [AD 1991, p. 164]. Nel 1881 lo stesso mons. Francesco Angelino eresse su un terreno anticamente destinato a cimitero una cappella dedicata all’Immacolata, collegata alla parrocchiale sul lato destro della prima campata [Barberis 1982, p. 145]. Negli anni 1882‑83 il parroco fece prolungare anteriormente di due arcate la chiesa, che ebbe una nuova facciata (disegno dell’arch. Gioachino Varino, capomastro Giovanni Negri, dipinti di Paolo Maggi, porte e orchestra ideate ed eseguite da Pietro Buzio, decorazioni in oro di Isidoro Giussani [Barberis 1982, p. 28]). Nel 1917 fu rinnovata la decorazione del battistero ad opera di Giuseppe Aceto. La facciata venne restaurata nel 1980 [Barberis 1982, pp. 166, 283].

Il campanile quattrocentesco, alto 40 metri al colmo della lunga cuspide, è in mattoni a vista, con quattro monofore per ciascun lato su due piani e coronamento con archetti; fu restaurato nel 1924-25, quando si posero sulla cuspide boccia, banderuola e croce, che caddero nel 1980; rifacimento nel 1986 con l’aggiunta della banderuola segnata dalla “V” di Valerio, esecutore Pier Luigi Gaviora [Barberis 1982, p. 147; Grignolio 1993, p. 76]. Sopra la cella campanaria sono collocati i quadranti di un orologio (Eltec). Imponente facciata del 1882-83, caratterizzata da un arco trionfale con due colonne per lato, tra cui su alti piedistalli sono poste le statue di S. Giorgio e S. Lorenzo, compatroni del paese. Sopra la porta centrale è situato il busto di S. Valerio. Interno a tre navate divise da grandi colonne che reggono arcate longitudinali. Affreschi della volta di Paolo Maggi. Altare maggiore e balaustrata marmorei del 1751, attribuiti ai Pellagatta; le teste di cherubini in marmo bianco di Carrara furono aggiunte nel 1793 [Grignolio 1993, pp. 74-75; Di Majo 2010, pp. 180, 245]. In capo alle navate laterali sono posti a sinistra l'altare dell'Ausiliatrice (già di S. Orsola) e a destra l'altare dell'Addolorata (già di S. Carlo), altari gemelli di stile neoclassico, la cui alzata presenta una nicchia centrale con statua e alte colonne bianche ai lati, realizzati nel 1824-25 da Giovanni Battista Bottinelli; mentre le rispettive balaustre (forse ricavate da una sola) provengono probabilmente dalla chiesa della Consolazione [Di Majo 2010, p. 249]. Lateralmente all'ultima campata si aprono due cappelle: a sinistra la cappella del Sacro Cuore (già di S. Antonio e Assunta), il cui altare era l'altar maggiore della chiesa della Consolazione (fine sec. XVIII?), qui trasportato nel 1810; a destra è la cappella dell'Immacolata con l'altare di S. Giorgio (realizzato dai cugini Domenico e Francesco Maria Colombara nel 1764) e tela tardo-moncalvesca raffigurante l'Immacolata coi Ss. Giuseppe e Defendente. Anche le balaustre marmoree delle due cappelle laterali (databili alla metà sec. XVIII) provengono dalla chiesa della Consolazione [P.S.F. 1914, p. 23 n. 1; Di Majo 2010, pp. 183, 243 n. 257, 247, 281-83]. Sono conservati vari dipinti di buona qualità: alla parete della navata laterale destra l’Assunta, del bolognese Aureliano Milani (1726), già pala dell'altar maggiore della chiesa della Consolazione (il disegno preparatorio firmato e datato si trova alla Pennsylvania Academy of the Fine Arts di Philadelphia) [P.S.F. 1914, p. 23; Mazza 2001, p. 232]; poco oltre al di sopra di un confessionale, entro una nicchia chiusa da un vetro, c'è una piccola tavola con la Madonna col Bambino, proveniente dalla chiesa della Consolazione [P.S.F. 1914, p. 23]. Sulla parete laterale al fondo della navata sinistra, Madonna col Bambino, fra le Ss. Caterina e Orsola e devote, tavola di Bernardino Lanino (1580), una delle ultime opere del pittore [Quazza 1986, p. 260]. Nel coro, ai lati di un dipinto murale raffigurante S. Valerio, vi sono l'Apparizione di Cristo a Camillo de Lellis, tela in scadenti condizioni di conservazione, di Aureliano Milani (1726?), proveniente dalla chiesa della Consolazione [P.S.F. 1914, p. 23; Bacchetta 2007, p. 195], la Deposizione di Gesù dalla croce, di Giorgio Alberini
 (1622), Madonna col Bambino e i Ss. Carlo e Francesca Romana, anch’essa dell’Alberini (1622) [Romano 1971a, p. 59], e il Transito di S. Giuseppe, di Aureliano Milani (1726?), proveniente dalla chiesa della Consolazione [P.S.F. 1914, p. 23; Bacchetta 2007, p. 195]. Organo Serassi del 1818 rifatto da Mentasti [AD 1991, p. 164]. L’ampia cappella dell’Immacolata si apre sulla destra all’altezza della prima campata; il catino della volta è affrescato con l’Incoronazione della Vergine; si conservano alcuni quadri, tra cui due raffiguranti S. Filomena e Maria Ausiliatrice, dipinti dal barone Giuseppe Zino [Basile 2004, p. 24].

Poco oltre l’ingresso, nell’atrio della cappella dell’Immacolata, sono murate due lapidi romane: la prima è una stele a nicchia di marmo bianco (cm 192 x 86), probabilmente risalente al sec. II d.C., costituita da un grande specchio epigrafico rettangolare delimitato da un semplice listello e coronato da un timpano triangolare; la nicchia contiene il busto di un defunto scolpito a rilievo (acconciatura di età traianea), ai cui lati sono incisi due grandi delfini verticali con testa rivolta in basso; da un lungo testo in caratteri di fine esecuzione e di altezza decrescente si ricava che la stele fu posta sulla tomba dei genitori dal quadrunviro Marco Sullio Vero, il quale prevedeva un lascito di 400 sesterzi perché non mancasse ogni anno alla tomba un omaggio di rose. Viene citato il vicus Iadatinus [Mommsen 1877, n. 7450; Mercando 1998, pp. 86-87]. La seconda lapide è una lastra scorniciata di arenaria, più piccola (cm 55.5 x 39.5) e alquanto corrosa, databile entro la seconda metà del sec. I d.C.: vi è citato Saerus vilicus dei Firmani, giunto a fare un’offerta a Giove [Mommsen 1877, n. 7449; Musso 1971, pp. 170-72; Mennella 1996, pp. 245-46]. Entrambe le lapidi vennero alla luce nella chiesa di S. Maria di Caresana, già detta pieve (S. Maria in Piè) [Durandi 1774, pp. 329-31], che sorgeva sul pendio ad ovest dell’attuale abitato (dove si trovava l’antico insediamento romano): tale chiesa nel 1299 era allibrata per una piccola cifra, risultava pericolante nel 1584 e fu abbattuta agli inizi del sec. XX [ARMO p. 36; Bo 1980, pp. 58-60]. La prima lapide fu rinvenuta nel pavimento della chiesa e fu trasportata entro il 1560 nella parrocchiale, ove per due secoli servì da mensa dell’altar maggiore (presenta infatti uno scavo a loculo per le reliquie, riaperto nel 1740 per cercare la pergamena con la data di consacrazione). Nel 1751 l’altare di legno dorato fu sostituito da un nuovo altare marmoreo e la lapide fu deposta nel vicino cimitero, dove la ritrovò il parroco don Bartolomeo Cavagna, che la fece murare sulla cinta esterna del cimitero, prospiciente la piazza. Il successore don Taravelli fece affiggere l’epigrafe all’interno della parrocchiale tra le porte maggiore e minore sul lato del battistero. Infine nel 1882-83, in seguito ai lavori di prolungamento della chiesa, venne fatta murare da mons. Francesco Angelino a filo di parete alla sinistra dell’entrata della nuova cappella dell’Immacolata [Novarese 1892, p. 238]. La seconda epigrafe era collocata nel frontespizio dell’altare della chiesa di S. Maria di Caresana; nel 1763 il vecchio altare fu demolito, e il blocco rimase abbandonato fino al 1771, quando don Cavagna fece affiggere anch’esso nel muro di cinta del cimitero. La lastra fu quindi sistemata all’interno della parrocchiale tra la porta centrale e la laterale destra; infine nel 1882-83 venne incassata in una nicchia alla destra della porta che dà accesso alla cappella dell’Immacolata; purtroppo alcune parti sporgenti (capitello e cornici) vennero scalpellate dai muratori [Novarese 1892, pp. 245-46; Novarese 1895, pp. 19-31].

SS. Nome di Gesù e del Rosario (Madonna del Rosario): nel centro del paese. Forse sorta sui resti di un edificio di epoca romanica. [Cassano 2004, p. 8 n. 9]. Sarebbe stata fondata da Guglielmo IX di Monferrato e concessa ai domenicani nel 1500 come chiesa conventuale dedicata a S. Maria delle Grazie, sotto la giurisdizione del convento di Casale. Nel 1650 vi risiedevano soltanto il vicario e un serviente secolare [Forte 1971, pp. 413-14]. Successivamente divenne sede dei battuti vestiti di cappa di percalle bianco [Barberis 1982, p. 286].

Ha forma a L rovesciata; l’ala piccola a sinistra ospita un bel coro a stalli lignei intagliati. Semplice prospetto neoclassico con timpano, sul cui estremo sinistro si alza un campaniletto con una piccola campana che serve quotidianamente per annunciare le funzioni (le vecchie campane furono calate nel 1950 con quelle della chiesa di S. Antonio per acquistare il concerto campanario della parrocchiale [Barberis 1982, p. 153]). Sopra il portale, entro una cornice rettangolare, c’è un dipinto murale moderno con la Madonna del Rosario, S. Domenico e S. Caterina. Sul fianco destro si aprono finestre barocche sagomate. L’interno è riccamente decorato con stucchi e tele. L'altar maggiore marmoreo è sormontato da una nicchia con statua della Madonna del Rosario, già contornata da quindici tavolette ovali coi Misteri. Bella balaustra marmorea settecentesca. Sulla parete destra del presbiterio è posta la Madonna del Rosario, tela di Ambrogio Oliva (ca. 1580) [Natale 1985, pp. 414, 436], con ritratti di personaggi identificati negli anni '70 del Novecento da Cesarina Oldoini Romano con Margherita Paleologa, Anna d’Alençon, Carlo V, Stefano Guazzo, Pio V, Ambrogio Aldegatti, Ercole Gonzaga, Guglielmo Gonzaga, Isabella Gonzaga [Ricaldone 1972, I, immagine e didascalia tra le pp. 312 e 313; Grignolio 1994, pp. 72-73] (va però notato che dei nove personaggi ipoteticamente identificati, nel 1580 sei erano già morti, alcuni da oltre un decennio). Si conserva inoltre una tela raffigurante la Circoncisione, di scuola di Bernardino Lanino (simile alla pala del Gesù di Casale, del 1554, che deriva da un’incisione di A. Dürer) [De Conti 1794, p. 24]. Nella cappella dell’Addolorata c’è una ricca galleria di ex voto, tra cui due spalline da ufficiale appartenute a don Luigi Corte di Montanaro [Grignolio 1994, p. 72; Allemano 1998, p. 278]; all'altare è affisso un paliotto di scagliola con l'immagine della Madonna del Rosario, attribuibile a Pietro Antonio Guazzone; in passato era collocato all'altar maggiore. Un altro paliotto, ancora assegnabile a Guazzone, è frantumato e conservato in altra sede [Di Majo 2012b, pp. 100-101]. Organo di Carlo Serassi e Ferdinando Serassi (1837), restaurato nel 2011 (da Fabio Stocco e Simone Prendin).

In data 1/11/1991 venne rubato un angelo dorato [AD 2002, p. 284]. Nel novembre 1996 furono sottratti dieci candelabri e dieci ovali dei Misteri del Rosario, del sec. XVII [Cantamessa 1998]. I rimanenti ovali dei Misteri del Rosario sono ora conservati in altra sede, mentre due tele del Guala raffiguranti l'Educazione della Vergine e S. Domenico e S. Antonio sono custodite in Municipio.

S. Antonio Abate e dei Disciplinanti: al centro del paese. Una chiesa di S. Antonio era presente nel 1493 [1]. L'attuale edificio sacro risale al 1650; è ormai inagibile e sconsacrata. Era sede dei battuti vestiti di cappa di tela grezza. Lo snello campanile è privo di campane fin dal 1950, anno in cui furono vendute, con quelle della chiesa del Rosario, per acquistare il concerto campanario della chiesa parrocchiale [Barberis 1982, pp. 153, 286].

Sopra il portale c’è un dipinto murale raffigurante la Crocifissione [Grignolio 1980, p. 76], di recente fattura ma quasi illeggibile. Interno a navata unica; soffitto dipinto con motivi floreali, un calice con lostia, una tortora tra le nuvole, l’occhio di Dio (soggetti presenti anche nella navata sinistra della parrocchiale sopra il fonte battesimale). Forse si conservano ancora la balaustra in mattoni, una serie di stalli posti a semicerchio, l’organo su un soppalco di colore azzurro, i cui lati sono dipinti con motivi floreali, strumenti musicali e il rigo [Occimiano 1997, p. 54].

S. Francesco da Paola: cappella barocca del palazzo dei marchesi da Passano
. Fu fondata sul finire del sec. XVIII [Novarese 1895, p. 98]. Ancora consacrata, è stata usata fino agli anni ottanta del sec. XX per i matrimoni della famiglia dei marchesi da Passano.

Di forma ovale; ha vetrate con sfumature di vari colori riproducenti forme geometriche. In alto si affaccia un balconcino, simile ad un matroneo. Bellissimo altare di marmo policromo, sopra il quale vi è un quadro raffigurante S. Camillo. Alla parete destra è collocata una statua di S. Giuseppe [Occimiano 1997, p. 56].

S. Vitale: chiesa trasformata in cascinale, a nord-est del paese. Antico priorato cluniacense, probabilmente fondato dal marchese Oberto di Occimiano nel 1127 [Bruel 1894, doc. 3996, pp. 348-51] (forse in contrapposizione con la fondazione cistercense di S. Maria di Lucedio, effettuata nel 1123 dal marchese Ranieri di Monferrato e dai suoi cugini). Il primo richiamo alla chiesa risale al 1203 [BSSS 40, doc. 66, p. 99] o almeno al 1293 [Cattana 1969, p. 131; Cattana 1979, pp. 94-95]. Elencata nelle decime della diocesi di Vercelli, pieve di Mediliano, nel 1299 come «Ecclesia sancti vitalis de boscho de ocimiano» [ARMO, p. 36]. Già nel 1554 i beni di S. Vitale appartenevano alla Mensa Vescovile di Casale [Novarese 1892, p. 229]. Nel 1798 chiesa e cascina furono incamerate dal governo francese e vendute all’incanto al sig. Francesco Rangone; da quel momento non si celebrarono più funzioni religiose [Bo 1980, p. 64; Occimiano 1997, p. 57].

Aula rettangolare, orientata, dotata di ampia abside semicircolare; la lunghezza (m 20.85 internamente) appare sproporzionata alla larghezza (m 6), ed è possibile che la primitiva facciata corrispondesse al punto in cui sul fianco sud un tratto di parete sporgente presenta alcuni blocchi di pietra che sembrano penetrare in profondità: la chiesa sarebbe stata allora lunga circa m 14 [Piva 1998, p. 118]. La facciata è nascosta da nuove costruzioni; portale tamponato con archivolto piano, realizzato in conci alternati di laterizio e arenaria; la parte superiore del portale, arcuata a tutto sesto, è ancora visibile all’interno. Abside semicilindrica, divisa in tre campi da lesene che si interrompono a circa un metro dalla falda del tetto (la parete fu forse rialzata in un secondo momento); vi si aprono tre finestre a doppio sguancio tamponate all’interno (quella centrale anche all’esterno e con apertura ribassata per dar luce all'ambiente inferiore dell'abside), con archetto monolitico e ghiere multiple su spalle risegate da profili alternativamente a toro e a spigolo vivo. Attorno alle finestre corre una cornice in pietra costituita da un fitto intreccio di cerchi “a catena”. La muratura dei fianchi laterali è in laterizio con frequenti inclusioni di conci di arenaria, meno accurata rispetto all’abside; il fianco nord pare completamente rifatto; la zoccolatura inferiore è di epoca romanica se non precedente, e ingloba laterizi forse tardo-antichi di spoglio.

L’interno è stato radicalmente rifatto verosimilmente nel sec. XVII, delimitando mediante paraste quattro campate, di cui tre hanno volte a crociera ribassata e la più orientale volta a botte, mentre presso l’abside risultano due campatelle (lunghe m 1.95 e 1.36) voltate a botte. Più recentemente è stato realizzato un soppalco mediante un solaio continuo in getto di calcestruzzo. All'interno dell’abside permangono eleganti decorazioni scultoree a motivi vegetali: steli a ventaglio con germogli a palmetta e una sequenza di cerchi viminei a occhiello, fra loro intrecciati. Sul catino absidale vi sono tracce di affreschi (forse Cristo assiso nella mandorla) [Ieni 1980a, pp. 25-26]. Nell’attuale piano inferiore dell’abside sui conci di arenaria scoperti dopo la caduta dell’intonaco, si vedono vari graffiti (scritte e figurazioni, con la data «1561») [Aletto 2004, pp. 37-78]; all’esterno, presso il contrafforte nord dell’abside, è incisa la data «1409». La tipologia di chiesa ad aula rettangolare con volta (o volte) a botte antistante l’abside era già apparsa in contesto cluniacense a Vallate e Piona; la cronologia, a giudicare dagli aggetti delle monofore absidali, non dovrebbe essere anteriore alla fine del sec. XII [Piva 1998, p. 118].

Chiesa della Consolazione o di S. Croce: eretta nel 1673 dai Padri Crociferi (di S. Camillo), entrati in Occimiano intorno al 1628. L'edificio fondato dal padre superiore Nicolò Du-Mortier era piuttosto piccolo, ad una sola navata, con tre altari. A partire dalla seconda metà degli anni '20 del Settecento l'occimianese padre Gaspare Riccioli, generale dei Crociferi, arricchì la chiesa di vari quadri, paramenti, reliquiari e argenterie, tra cui tre tele provenienti da Roma di Aureliano Milani, raffiguranti l'Assunzione di Maria, il Transito di S. Giuseppe, e l'Apparizione di Cristo a Camillo de Lellis, attualmente conservate nella parrocchiale [P.S.F. 1914, pp. 22-23; Bacchetta 2007, pp. 191, 195]. Negli anni '30 del Settecento furono realizzati un nuovo altar maggiore e la balaustra in marmi preziosi. Nel 1775 fu approntato l'organo. Nel 1798 la chiesa aveva tre altari: il maggiore di marmo e due laterali, dedicati a S. Camillo e a S. Giuseppe, di scagliola. Nello stesso anno il convento fu soppresso e la chiesa restò inutilizzata; nel primo decennio del sec. XIX l'altar maggiore, balaustre, due confessionali, quadri e altri arredi religiosi passarono alla parrocchiale. Nel 1806 i locali della chiesa e del convento vennero acquistati all'asta dalla famiglia da Passano; dopo diversi anni furono ceduti a basso prezzo al Comune. Sull'area del convento venne costruito l'edificio scolastico [P.S.F. 1914, pp. 22-24; Di Majo 2010, pp. 183, 249]. Tuttora esiste parte della struttura muraria della chiesa, che nei decenni passati fu trasformata al pian terreno in Salone della Musica; è ancora visibile il soppalco su cui era sistemato l’organo. Al piano superiore c’è una stanza con soffitto molto basso sostenuto da archi incrociati
[Occimiano 1997, pp. 51-52].

S. Lorenzo de Rualdo: chiesa scomparsa, il cui agiotoponimo sopravvive nella cascina S. Lorenzo, situata presso il torrente Rotaldo, Km 2.5 a ovest di Occimiano. La chiesa è citata nel 1266 e nel 1369 come sede di una canonica regolare di S. Maria di Betlemme [BSSS 73/I, doc. 22, pp. 23-27; Ferraris 1984a, pp. 64, 395-96; Moriondo 1789, doc. 343, coll. 359-363]; nel 1299 e nel 1440 è elencata nella pieve di Mediliano, nel 1348 e 1359 tra i monasteri, i priorati e le prepositure della diocesi di Vercelli [ARMO, pp. 36, 116, 235; Cognasso 1929, p. 234]. Nell’ultimo quarto del sec. XVI era una semplice cappella unita a un beneficio. A 500 metri dalla cascina S. Lorenzo, lungo il corso del Rotaldo, sono affiorati mattoni e resti di fondazioni [Bo 1980, pp. 113-15].


1 Notizia di Bruno Ferrero (2011) [Archivio di Stato di Alessandria, Archivio Notarile del Monferrato, cart. 1052, notaio Oliviero Capelli].